Il bambino, il maestro, la penna ed il libro

Schermata 2015-11-13 alle 12.12.28“Nonostante la sua giovane età Malala Yousafzai ha già combattuto diversi anni per il diritto delle bambine all’istruzione ed ha mostrato con l’esempio che anche bambini e giovani possono contribuire a cambiare la loro situazione. Cosa che ha fatto nelle circostanze più pericolose”. Questa è la motivazione che il comitato per il premio Nobel ha addotto il 10 Ottobre 2014, quando ha deciso di conferire il prestigioso riconoscimento a questa ragazza che, neanche ventenne, si unisce alla schiera di grandi protagonisti delle lotte intraprese per rispondere alle necessità del proprio tempo. Così facendo però noi tutti, giovani studiosi delle più disparate discipline universitarie e corsi accademici, veniamo privati dell’alibi della giovane età che non fa altro che alimentare quel senso di impotenza che chiaramente si percepisce quando si osservano le piaghe che colpiscono il mondo che abitiamo. Non è così, siamo noi studenti che adesso, in questo istante, stiamo raccogliendo la professionalità idonea a fornirci gli strumenti necessari per dare voce al nostro desiderio di cambiamento e così divenire protagonisti attivi. Immersa in un’attualità che vede 781 milioni di adulti e 126 milioni di giovani analfabeti, 61.90% dei quali sono donne, (rapporto settembre 2014 dell’ Unesco Institute for Statistics) Malala ha scelto di essere il segno del cambiamento, non della straordinarietà. Come ripete nel discorso di consegna del premio, si definisce impegnata e testarda, ha vissuto un problema ed ha cercato la soluzione: ” quando il mondo è cambiato, anche le mie priorità sono cambiate “. La più grande speranza di cui possiamo farci portatori, in quanto studenti, è quella di divenire professionisti pronti a raccogliere le sfide di un mondo in continuo mutamento, fiduciosi che “un bambino, un maestro, una penna ed un libro possono cambiare il mondo”. Malala l’ha fatto, lo sta facendo.

Pietro Giorcelli
Facoltà di Giurisprudenza
Università degli Studi di Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *